In viaggio con babini

L’illuminazione Giusta per il vostro Spazio di Lavoro-Consigli e suggerimenti per illuminare in modo corretto l'ufficio  grazie alla luce naturale e artificiale.
16 ott 2017

L’illuminazione Giusta per il vostro Spazio di Lavoro-Consigli e suggerimenti per illuminare in modo corretto l'ufficio grazie alla luce naturale e artificiale.

Ufficio marketing Babini Office in collaborazione con la redazione di Houzz     0  commenti // Pubblicato in Sicurezza

Lo spazio ufficio deve essere illuminato al meglio per poter garantire massimo comfort e alto rendimento.
Cercate di sfruttare la luce naturale che filtra dalle finestre. Anche la scelta delle lampade è importante: garantiscono una fonte di luce diretta proprio dove ne avete necessità. Studiate l’illuminazione artificiale in modo che rafforzi la luce del sole al crepuscolo. Ricordate che anche gli arredi possono fare  la differenza, così come il colore dei dettagli.
 
Luce naturale
La scrivania deve essere di fronte alla fonte di luce (o, ancora meglio, perpendicolare), non date le spalle alla finestra. Questo è molto importante se lavorate al computer: oltre a illuminare meglio l’ambiente di lavoro, in questo modo la luce non arriva direttamente sullo schermo, evitando così eventuali riflessi o ombre.

Illumina la scrivania con la luce del sole
Se non avete la possibilità di collocare la scrivania sotto la finestra, valutate la posizione migliore affinché possiate sfruttare la luce solare. Devote evitare che si rifletta, direttamente o indirettamente, sul monitor e sulla tastiera.

Ambienti senza finestra
Se non avete la possibilità di organizzare lo studio in un ambiente già dotato di finestre, sfruttate la luce naturale proveniente da altre stanze. Un’ottima idea potrebbe essere quella di inserire un materiale riflettente e trasparente nella parete che separa il  vostro studio dall’ambiente vicino. S puo' optare per un pannello in vetro o vetro cemento: il vetro garantisce maggiore luminosità.
Ricordate di posizionare la scrivania o davanti alla fonte di luce o perpendicolare, in modo che la luce naturale provenga dalla giusta direzione.

Arredi chiari
Gli ambienti piccoli hanno problemi di illuminazione, ma gli arredi e i colori possono venire incontro a quest’esigenza. Le tonalità chiare non solo danno la percezione che l’ambiente sia più grande, ma lo rendono più luminoso.

Superfici riflettenti
Oltre ai colori, sceglite con attenzione anche i dettagli. Per esempio, potete appendere quadri con cornici in vetro sopra la scrivania. Il vetro è un materiale interessante da tenere presente quando parliamo di piccoli spazi: riflette sia la luce naturale che l’illuminazione artificiale, contribuendo così a rendere l’ ambiente più luminoso. Considerate anche che il riflesso della luce sul vetro può essere fastidioso quando guardate un quadro, se la sorgente di luce (finestra o lampada) è alle  spalle.
 

Illuminazione artificiale: luce diretta
La luce naturale va privilegiata perché rappresenta la fonte di illuminazione ideale, tuttavia non è sufficiente. Deve essere integrata con la luce artificiale. 
Per una giusta illuminazione d’ambiente, potete scegliere fonti di luce diretta come corpi illuminanti a soffitto, montate un apparecchio sopra la postazione di lavoro. Questa soluzione garantisce la corretta luce nell’ambiente. Per avere anche un’adeguata illuminazione sulla postazione lavoro, serve però anche una lampada da scrivania.

Luce orientabile
La lampada da tavolo deve essere orientabile per poter dirigere la luce verso alcuni punti, piuttosto che altri. Scegliete una lampada che sia anche poco ingombrante. Un modello troppo grande, con una base d’appoggio voluminosa, ti darebbe problemi nella gestione dello spazio.

Luce dimmerabile 
Consigliamo di scegliere una lampada che abbia il dimmer, un regolatore che ti permette di aumentare o diminuire l’intensità della luce in base alle vostre necessità. Questa soluzione  garantisce anche maggior risparmio energetico, quindi consumi minori in bolletta.
 
Luce artificiale indiretta frontale
Potete scegliere anche un tipo di illuminazione indiretta, un apparecchio montato sul muro. Optate  sempre per un prodotto che vi permetta di orientare il fascio luminoso dove serve.
 
Luce artificiale indiretta laterale
Se la parete dietro la scrivania è occupata, montate l’apparecchio sul muro lateralmente rispetto alla postazione di lavoro. La luce artificiale indiretta vi permette di avere una luce più omogenea sulla postazione di lavoro, ma non sufficiente per illuminare il vostro ufficio. 

Se la luce d’ambiente è debole, potete integrarla o con un secondo apparecchio a muro o con faretti incassati nel soffitto: una soluzione meno invasiva, ma che richiede più tempo e maggiori costi perché dovete realizzare un controsoffitto per poter incassare i faretti. 

condividi su

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati (*)

Commenti:

Nessun commmento momentaneamente presente